Confermato il conto corrente gratuito per i pensionati

Pubblicato da il 16/03/2012 in conto corrente - 3 Commenti

Ieri hanno fatto notizia le parole di Gianfranco Polillo, sottosegretario all’economia, secondo il quale – stando ai resoconti parlamentari della Commissione Bilancio – l’introduzione del conto corrente gratuito dedicato ai pensionati causerebbe un danno alle banche che porterebbe ad un’ulteriore stretta sul credito.

La considerazione ha suscitato molto scalpore tra gli organi di stampa, al punto da costringere il governo a precisare la questione. La prima valutazione sulle parole di Polillo è stata formulata da Claudio De Vicenti, sottosegretario allo sviluppo economico: “Il governo ha dato parere positivo in merito alla norma sul conto corrente per pensionati, del resto non ci importa nulla”.

La differente versione fornita dai due sottosegretari ha fatto immaginare ai giornalisti dei possibili contrasti all’interno del governo rispetto alle decisioni sulle liberalizzazioni in ambito bancario. A tal proposito è dunque dovuto intervenire in serata anche il Premier Mario Monti, il quale si è limitato ad affermare che la decisione “non è in discussione”.

Rendimax banner

3 Commenti a "Confermato il conto corrente gratuito per i pensionati"

  1. Mario 16/03/2012 at 12:26 ·

    Una buona parte dei pensionati va alla Posta e ritira l’intera pensione in un sola volta e poi spende i propri soldi per vivere: non ha bisogno di avere estratti conti, non ha bisogno di fare bonifici, non ha bisogno di gestire titoli o altri prodotti finanziari, mi domando quale sarebbero gli ingenti costi che le Banche dichiarano di non poter sostenere.
    Molte banche non danno la possibilità di aver un conto online completamente gratuito? E poi i comuni mortali si recano al bancomat a prelevare.
    Non si può fare la stessa cosa con il conto dei pensionati – non online ovviamente – ?

  2. plo 16/03/2012 at 12:48 ·

    parole sante

Trackbacks

  1. Tavola rotonda su conto corrente gratuito per pensionati | SalvaRisparmio

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS