Conto corrente: come ridurre le spese

Pubblicato da il 26/10/2016 in conto corrente -
conto corrente

Secondo un’indagine svolta dall’Università Bocconi di Milano, tra gennaio e giugno i costi medi dei conti correnti sono hanno subito un aumento del 6%. La motivazione fornita da alcuni Istituti bancari che hanno inserito nuovi costi ai loro prodotti, o aumentato quelli già presenti, deriva dalla necessità di bilanciare l’uscita di capitale destinata al FITD: il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi ha infatti richiesto un contributo straordinario in seguito al suo intervento nel salvataggio delle banche italiane in crisi.

Come difendersi da questi aumenti? E’ necessario informarsi e comparare i conti corrente offerti dai vari Istituti di Credito. Di norma i prodotti più convenienti sono quelli online: eliminando o riducendo le sedi fisiche sul territorio, le banche online riescono a contenere i costi di gestione, con un conseguente sgravio nei confronti del cliente finale. Bisogna inoltre valutare quali sono le tipologie di servizio alle quale non possiamo rinunciare, e quali invece non sono strettamente necessarie: solitamente, il numero dei servizi offerti e il costo del prodotto è direttamente proporzionale. Ad esempio, il conto titoli e la carta di credito sono servizi onerosi, ai quali è possibile pensare di rinunciare. E’ inoltre necessario valutare con attenzione i rendimenti offerti dai vari prodotti e avere un’idea piuttosto precisa della somma media che si vuole mantenere sul conto. Potrebbe essere preferibile un prodotto a costo zero ma che non offre rendimenti, o un prodotto più costoso ma che offre rendimenti elevati.

Le alternative al conto corrente

Chi dispone di una cifra abbastanza consistente e cerca la sicurezza di un conto corrente, ma al tempo stesso desidera che il proprio capitale venga remunerato, potrebbe trasferirne una parte su un conto deposito. È un prodotto di risparmio sicuro (il FITD garantisce fino a 100.000 euro in caso di fallimento della banca) e a costo zero. E’ possibile scegliere se mantenere le somme libere, così da poterle ritirare in qualsiasi momento, o vincolarle a scadenza predefinita. Le soluzioni vincolate sono disponibili anche in alcuni conti corrente ad alto rendimento: scegliendo questi prodotti è possibile mantenere parte delle somme libere, usufruendo di tutti i servizi tipici del conto corrente, e vincolarne una parte, così da incrementare il proprio capitale.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS