Il trasferimento del risparmio su più conti correnti va comunicato all’Agenzia delle Entrate

Pubblicato da il 03/09/2012 in conto corrente -

Dallo scorso 26 luglio il sito Internet dell’Agenzia delle Entrate permette di scaricare la nuova versione del software “Comunicazione Pagamento Contanti”, necessario per comunicare l’adesione alla disciplina di deroga alle limitazioni di trasferimento del denaro contante, sancita dal cosiddetto “Decreto sulle semplificazioni fiscali” (art. 3, comma 2, del D.L. 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla L. 26 aprile 2012, n. 44).

L’Agenzia precisa che i soggetti interessati dalla disciplina dovranno inviare tante comunicazioni quanti sono i conti utilizzati per versare il denaro contante, attribuendo a ciascun conto corrente un numero progressivo ed un riferimento identificativo (come, ad esempio, la denominazione o l’indirizzo della sede).

In relazione a persone fisiche aventi cittadinanza extracomunitaria, il Decreto Semplificazioni ha previsto una deroga al divieto di trasferimento di risparmio in contanti per importi superiori a 1.000 euro, nei confronti di:

  • soggetti che svolgono attività di commercio al dettaglio ed assimilate (indicate nell’art. 22 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, tra cui, ad esempio: le prestazioni alberghiere, la somministrazione di alimenti e bevande in pubblici esercizi, il trasporto di persone, ecc.) per i quali non vi è l’obbligo di emissione della fattura se non richiesta dal cliente;
  • agenzie di viaggio e turismo che effettuano operazioni per l’organizzazione di pacchetti turistici.

Per beneficiare della deroga i soggetti appena citati devono rispettare determinati obblighi, tra cui quello di trasmettere una comunicazione preventiva all’Agenzia delle Entrate.

In sede di conversione in legge del Decreto Semplificazioni, sono state apportate le seguenti modifiche:

  • limite di 15.000 euro per i trasferimenti di denaro contante interessati dalla disciplina di deroga;
  • obbligo di indicare, nella comunicazione preventiva all’Agenzia, il conto corrente sul quale dovrà essere versato il denaro contante incassato;
  • obbligo, per i soggetti aderenti alla disciplina di deroga, di comunicare all’Agenzia le relative operazioni di importo pari o superiore a 1.000 euro.

Il modello di adesione alla disciplina di deroga sopra descritta è stato adeguato alle modifiche; chi avesse già inviato la comunicazione preventiva utilizzando la “vecchia” versione del modello, pertanto, avrebbe dovuto trasmettere all’Agenzia delle Entrate una nuova comunicazione entro il 31 luglio 2012, utilizzando il modello aggiornato.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS