Come risparmiare contrastando l’inflazione

Pubblicato da il 30/01/2013 in conto deposito - 1 Commento
inflazione e risparmio

Il 2013 a livello internazionale è cominciato con incoraggianti segnali di miglioramento,  nonostante ciò la Banca Centrale Europea mantiene alta la guardia su eventuali ricadute dei Paesi già colpiti dalla crisi o difficoltà da parte delle attuali economie forti.

Uno dei problemi più sentiti in questi mesi sembra essere la progressiva perdita di potere d’acquisto da parte dei risparmiatori. Attualmente il livello di inflazione è sceso in Europa sotto il 3%, e per il 2013 è previsto un ulteriore calo a livello continentale, ma nuove politiche economiche potrebbero tornare a farlo balzare verso l’alto (vedi ad esempio un ipotetico aumento dell’IVA a livello nazionale di un punto percentuale).

Potrebbe quindi essere necessario ricercare strumenti di risparmio che proteggano il denaro dalla perdita di valore. Dopo l’attuale stabilizzazione dei mercati, i tassi dei Titoli di Stato come Bot e BTp sono scesi rispetto a 12 mesi fa. Riguardo i conti correnti, non tutti garantiscono alle proprie giacenze un rendimento, le somme potrebbero quindi risentire di eventuali svalutazioni in corso. Secondo gli esperti una soluzione percorribile, in particolare per chi ha una moderata propensione al rischio, rimane quella di optare per un conto deposito, strumento finanziario che ha confermato una forte posizione sul mercato anche nel 2012. Le migliori offerte attualmente si attestano oltre il 4% annuo lordo per le somme vincolate, e intorno al 2%  annuo lordo per i conti liberi. I fattori che hanno contribuito al suo successo sono essenzialmente due:

  • la sicurezza garantita del FITD, che tutela le giacenze, per depositante e per istituto, fino ad un massimo di 100mila euro;
  • la decisione di alcuni istituti di credito di farsi carico dell’imposta di bollo proporzionale prevista dal D.L. 16/2012, cresciuta quest’anno fino allo 0,15% sulla somma depositata.

Per tutelare il proprio risparmio la strategia migliore resta in ogni caso quella di diversificare il più possibile il portafoglio, magari con il supporto di un consulente esperto e, soprattutto, fidato.

Rendimax banner

1 Commento a "Come risparmiare contrastando l’inflazione"

Trackbacks

  1. Risparmiare in tempo di crisi: l’Eurispes fotografa le famiglie italiane | SalvaRisparmio

SCRIVI UN COMMENTO

*

Feed RSS