Conto deposito e Titoli di Stato a confronto

Pubblicato da il 09/09/2013 in conto deposito -

Il rendimento della forma di risparmio prescelta è una delle caratteristiche che maggiormente interessa un risparmiatore. Considerando il periodo e la situazione economica che stiamo vivendo, ci si potrebbe chiedere quale sia la forma migliore dove “parcheggiare” il proprio risparmio.

Analizziamo, ad esempio, il rendimento di alcuni Titoli di Stato e conti deposito

  • BOT: i buoni ordinari prevedono un tasso a sei mesi pari a circa lo 0,88%, mentre a 12 mesi è di poco superiore all’1%;
  • BTP: a tre anni garantiscono un interesse lordo del 2,33% che sale al 3,38% lordo per una durata di 5 anni;
  • dall’ultima emissione del BTP Italia a 4 anni dello scorso aprile, il tasso cedolare (reale) annuo definitivo del titolo è stato fissato al 2,25%, pagato in due cedole semestrali;
  • conto deposito: soprattutto nella formula a scadenza, e per i conti online, offrono una remunerazione del denaro che può superare il 3% lordo a 2 anni e del 2% a 1 anno.

Non esiste probabilmente la soluzione migliore in assoluto, occorre scegliere in relazione alle proprie necessità. Inoltre ricordiamo che è buona norma differenziare il proprio portafoglio affidandosi ad un consulente esperto e di fiducia.

Consulta la sezione “Dizionario del Risparmio” del blog per conoscere le definizioni dei diversi Titoli di Stato e molti altri termini.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS