Conto deposito: i più redditizi sono i meno blasonati

Pubblicato da il 11/12/2012 in conto deposito - 1 Commento
conto deposito

Tra le diverse forme di risparmio, il conto deposito rimane tra le preferite dai risparmiatori. Secondo la recente analisi del settimanale “Il Salvagente”, i fattori determinanti di questo successo sono:

  • la sicurezza, grazie alla garanzia del FITD, per depositante e per istituto, sulle giacenze fino ad un masismo di 100mila euro;
  • la tendenza di numerose banche di farsi carico dell’imposta di bollo proporzionale prevista dal D.L. 16/2012, che nel 2013 aumenterà allo 0,15% sulla somma depositata.

L’indagine mette in luce anche la comparsa di nuove offerte sul mercato, capaci di ottenere fin da subito buoni risultati. Gli analisti rivelano infatti che in questo momento le proposte più competitive sono di conti deposito legati ad istituti di credito meno conosciuti, in grado di proporre un ottimo rendimento e soluzioni contrattuali in linea con le esigenze dei clienti.

Dati alla mano, gli esperti del settore segnalano inoltre un’ulteriore tendenza: nonostante la recente diminuzione dei tassi d’interesse dovuta ad una situazione internazionale più stabile rispetto ai mesi precedenti, il conto deposito viene ugualmente preferito dai risparmiatori rispetto ad altre soluzioni, come i BOT, che sui 12 e 24 mesi offrono rendimenti mediamente inferiori.

Non solo conti deposito: “Il Salvagente” annota anche la crescita di altri strumenti di risparmio, come libretti e buoni postali, i quali offrono maggiori soddisfazioni agli investitori nel lungo periodo.

E’ fondamentale ricordare sempre l’importanza di diversificare il proprio portafoglio d’investimento, confrontandosi se possibile con un professionista di fiducia prima di ogni decisione.

Rendimax banner

1 Commento a "Conto deposito: i più redditizi sono i meno blasonati"

  1. antonio 20/12/2012 at 00:29 ·

    Si cerca di promuovere il risparmio aumentando la tassazione allo 0,15% sulle somme depositate.
    Ogni giorno c’e’ sempre qualcosa in questo Paese di cui stupirsi.

SCRIVI UN COMMENTO

*

Feed RSS