Gli strumenti di risparmio preferiti dagli Italiani

Pubblicato da il 19/04/2016 in conto deposito -

Sono innumerevoli gli strumenti di risparmio creati dagli operatori del mercato finanziario per la gestione e la tutela dei risparmi. Tra tutti, il conto corrente è quello più utilizzato (85,6% degli Italiani), in quanto necessario per svolgere operazioni indispensabili come prelievi, accredito dello stipendio, pagamenti ecc, oltre a fungere da appoggio per attivare altri strumenti. Tra le alternative gli italiani scelgono:

  • il 25,7% il libretto di risparmio;
  • il 14,5% il conto deposito;
  • il 28,8% strumenti previdenziali assicurativi;
  • il 14,8% titoli di stato e obbligazioni;
  • il 15,6% in azioni e fondi.

Questi dai emergono da un’interessante indagine condotta dall’istituto di ricerca Ipsos per il noto quotidiano finanziario Il Sole 24 Ore. Lo studio ha anche messo in luce le differenze regionali. Il primato dei risparmiatori che hanno un conto corrente va al Friuli Venezia Giulia con il 90,4%, mentre il podio per i conto deposito va ai risparmiatori della Lombardia, il 19,1%. Sono invece gli umbri a battere tutti con l’investimento in strumenti previdenziali e assicurativi, ben il 37,1% (davanti anche a quelli lombardi fermi al 36%).

“Risulta in aumento la capacità delle famiglie di riuscire a risparmiare, che recupera da due anni a questa parte e che nuovamente vede tra i protagonisti il Nord Ovest – ha dichiarato Andrea Alemanno, group director di Ipsos -. I dati mostrano inoltre che sono molto attive regioni come Trentino Alto Adige, Veneto, Abruzzo, Molise e Sardegna. In maggior affanno il Sud, ma anche Liguria e Umbria.”

Gli strumenti di risparmio sicuri

Il sondaggio evidenzia come la maggioranza dei risparmiatori italiani cerchi sicurezza, di qui la buona percentuale che utilizza il conto deposito, e come stia maturando una nuova consapevolezza del risparmio che non si affida al fai-da-te ma a scelte più consapevoli basate sull’informazione. Si diffonde il risparmio gestito e riscuotono successo i mini-bond nel settore delle imprese. L’auspicio degli operatori è che si vada sempre di più verso la realizzazione di un sano mercato finanziario in grado di salvaguardare i risparmi delle famiglie, un mercato trasparente in cui i risparmiatori possano orientarsi con consapevolezza.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS