Il credit crunch e la ricerca del miglior rendimento

Pubblicato da il 17/02/2012 in conto deposito - 7 Commenti

La Banca Centrale Europea

Da quando la Banca Centrale Europea ha deciso di immettere nuova liquidità nel sistema economico per aiutare le banche in difficoltà si sente spesso parlare del Credit crunch. In gergo finanziario si utilizza questa terminologia per identificare una contrazione del credito. Riportando la definizione fornita da Il Sole 24 Ore si tratta di una “congiuntura economica in cui è difficile reperire capitale d’investimento da parte di banche o investitori a causa della loro sfiducia nel mercato. Tale scarsità di finanziamento fa salire il costo del credito e rende difficile per le imprese e i privati accedervi”.

Leggendo tra le righe è possibile intuire che alcune banche, soprattutto quelle che soffrono maggiormente la mancanza di liquidità, siano portare ad offrire un rendimento maggiore. Lo scopo è premiare la scelta di tutti gli strumenti di risparmio che permettono ai clienti di depositare delle somme per un periodo di tempo sufficientemente ampio da consentire alle aziende di armonizzare il proprio business. Per tale ragione ad oggi si moltiplicano costantemente gli Istituti di credito stanno cominciando a proporre la soluzione del conto deposito ai loro correntisti, favoriti anche dalla recente riduzione della aliquota fiscale passata dal 27% al 20%.

Il successo di questa forma di risparmio è testimoniato dai risultati di una analisi condotta da Gfk Eurisko, nota azienda di elaborazione statistica, dai quali si evince che solo negli ultimi sei mesi del 2011 ne sono stati aperti 800mila, su un totale complessivo di 3,6 milioni di conti deposito attivi.

Si può dunque affermare che per alcune banche il conto deposito rappresenta il giusto compromesso tra la necessità di disponibilità di fondi a breve periodo e la volontà di aumentare i propri clienti grazie ad un tasso di interesse elevato. Ma questo non vale per tutte: ci sono alcune realtà che grazie a questi strumenti e all’ascolto delle necessità dei propri clienti, si sono garantite negli anni la giusta liquidità per operare in tranquillità e per continuare a crescere, nonostante il periodo di difficoltà dell’intero sistema economico.

Rendimax banner

7 Commenti a "Il credit crunch e la ricerca del miglior rendimento"

  1. Vincenzo 25/06/2012 at 19:50 ·

    Buongiorno
    Il conto deposito quando rente?

  2. Redazione 26/06/2012 at 11:21 ·

    Ciao Vincenzo,
    sul sito di rendimax puoi avere tutte le informazioni sui rendimenti delle varie soluzioni rendimax http://www.rendimax.it/scopri_rendimax/quanto_rende
    Buona giornata

Trackbacks

  1. Credit crunch: il Nordest l’area più penalizzata | SalvaRisparmio
  2. Il futuro del conto deposito | SalvaRisparmio
  3. Più costose le carte di pagamento revolving | SalvaRisparmio
  4. Nuovo prestito triennale della BCE alle banche | SalvaRisparmio
  5. Accesso al credito per le PMI e Basilea 3 | MondoPMI

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS