Risparmio e trend d’investimento: scendono gli immobili, sale la liquidità

Pubblicato da il 06/11/2012 in conto deposito - 1 Commento
risparmio e trend d'investimento

La crisi economica ha contribuito ad orientare le scelte d’investimento di molte famiglie verso strumenti di deposito ritenuti sicuri.

Un’indagine condotta dalla società di ricerca Ipsos in occasione dell’88° Giornata Mondiale del Risparmio (il 31 ottobre scorso), rivela un trend in controtendenza rispetto alle normali abitudini di investimento degli italiani: negli ultimi anni, infatti, la fiducia nel mattone ha subito un deciso calo (-50% rispetto al 2006).

Le motivazioni di questo risultato risiedono principalmente:

  • nell’aumento del carico fiscale sugli immobili;
  • nella scarsa trasparenza registrata dagli investitori da parte delle agenzie immobiliari;
  • nelle commissioni sempre più gravose da versare agli agenti.

A chi si chiede come risparmiare salvaguardando il più possibile il proprio capitale, la ricerca offre anche qualche altro spunto interessante. La stessa riporta, ad esempio, come il 2012 sia stato l’anno degli investimenti in liquidità: sono infatti aumentati, rispetto l’anno precedente, i possessori di azioni, Titoli di Stato, Bond e conti deposito.

Rispetto ad altri strumenti di risparmio, come l’investimento immobiliare, il conto deposito è adatto anche all’impiego di somme contenute ed è in grado di garantire alti livelli di sicurezza (data la garanzia offerta dal FITD) a fronte di buoni livelli di rendimento. Quest’ultimo risulta più interessante tanto se la banca di riferimento si fa carico dell’imposta di bollo prevista per tutti i prodotti finanziari e i conti correnti dal D.L. 16/2012.

Rendimax banner

1 Commento a "Risparmio e trend d’investimento: scendono gli immobili, sale la liquidità"

  1. PANTALONE 09/11/2012 at 21:53 ·

    Sono felice che il mattone abbia perso quella importanza spropositata che la maggior parte degli Italiani gli ha immeritatamente attribuito. Prima di tutto investire in un immobile non e’ alla portata di tutti, perche’ costa centinaia di migliaia di euro. Poi un immobile non e’ cosi’ facilmente alienabile in caso di bisogno come titoli di stato o anche l’oro fisico. La casa va bene come bene di uso, e’ giusto che tutti ne abbiano una con un lavoro per vivere decorosamente.

SCRIVI UN COMMENTO

*

Feed RSS