Asta BOT: rendimento in discesa

Pubblicato da il 13/10/2015 in news -

Dopo l’asta Btp, CCTeu, CTz, BTpei, ieri è arrivato il momento di quella dei BOT a un anno. Come per gli altri Titoli di Stato, la domanda è stata alta ma il rendimento è diminuito: il Tesoro ha collocato 7 miliardi di BOT con un rapporto di copertura dell’1,63 rispetto all’1,53 dell’asta precedente, ma il tasso dallo 0,028% è arrivato allo 0,023%.

Quindi, chi vuole investire il proprio risparmio mantenendo basso il livello di rischio, muovendosi sul terreno dei Titoli di Stato continua a imbattersi in basse remunerazioni.

Premesso che la scelta dipende dalle esigenze e necessità di ciascuno, per rimanere lontani da scelte più azzardate o dalle turbolenze del mercato azionario, i risparmiatori possono valutare strumenti di risparmio come il conto corrente e il conto deposito, che offrono tassi d’interesse più elevati e diverse soluzioni tra cui scegliere (deposito libero o vincolato ) e varie scadenze.

È bene valutare, inoltre, lo stato di salute finanziaria della banca che li propone e se la stessa aderisce al Fitd (Fondo interbancario di Tutela dei Depositi), grazie al quale i depositi sono garantiti fino a 100.000 euro, per depositante e per istituto.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS