Bot sotto zero, Btp ai minimi

Pubblicato da il 13/11/2015 in news, risparmio -

L’inverno non è ancora arrivato, ma le “temperature” glaciali caratterizzano ormai da settimane i tassi dei Titoli di Stato.

Dopo il BOT a 6 mesi, mercoledì 11 novembre è toccato ai BOT annuali andare sotto zero per la prima volta: il rendimento si è attestato a -0,030% , mentre all’ultima asta del 12 ottobre era stato collocato a 0,023%; il collocamento ha toccato quota 6 miliardi.

Calano anche i Btp: nell’asta di ieri il Ministero del Tesoro ha collocato 5 miliardi di euro di Btp raggiungendo minimi storici su tutte le scadenze; ad esempio, il tasso d’interesse del Btp a tre anni è sceso allo 0,107% dallo 0,255% di ottobre, quello a 7 anni allo 0,977% dall’1,24%.

Perché? Il mercato attende le decisioni che la BCE prenderà il prossimo 3 dicembre e si prepara a nuove iniezioni di liquidità, visto i precedenti annunci.

I tassi “glaciali” soddisfano lo Stato, che si finanzia a costi molto bassi, ma non i “BOT people”, cioè coloro che per anni si sono affidati ai bond governativi italiani per “scaldare” il proprio risparmio al calore di buoni tassi e basso rischio.

Come indicato in questo articolo del blog, il conto deposito, con alcune accortezze, può essere una possibile alternativa per ottenere rendimento, senza alzare il livello di rischio.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS