Fisco: in arrivo la riforma Monti

Pubblicato da il 16/02/2012 in news - 7 Commenti

Grazie ad un’anticipazione riportata su La Repubblica è possibile avere qualche informazione circa le misure al vaglio del governo per riformare l’imposizione fiscale italiana. L’obiettivo principale è abbassare la tassazione per le fasce più deboli della popolazione ed evitare l’aumento di due punti dell’IVA a partire da ottobre. Ma per intraprendere queste iniziative è necessario reperire risorse, derivanti soprattutto dalla lotta all’evasione e dalla spending review (valutazione della spesa pubblica).

Vediamo in dettaglio le proposte di Monti su come risparmiare:

  • Riduzione della prima aliquota fiscale: l’intenzione è diminuire l’imposizione fiscale per la prima fascia contributiva, tagliando di qualche punto l’attuale quota IRPEF del 23%. I fondi necessari per attuare questa decisione provengono dall’aumento della lotta all’evasione (11 miliardi nel 2011) e dalle nuove norme sulla tracciabilità del contante. Il costo legato alla riduzione è pari a 5 miliardi di euro per ogni punto di IRPEF: in alternativa è previsto un intervento sui carichi familiari.
  • Non applicazione dell’aumento dell’IVA: si stanno cercando le risorse per scongiurare l’aumento dell’IVA che dovrebbe scattare ad ottobre, passando dal 21% al 23%. Questo sarà possibile solo se verranno raccolti 4 miliardi di euro dalla Spending Review.
  • Riformulazione dei tagli e delle agevolazioni: i tagli lineari (ossia le diminuzioni  uniformi di spesa) attivati dal precedente governo sono stati indifferenziati tra settori e categorie. La volontà del Premier Monti è quella di riformulare le modalità di agevolazione, partendo dal presupposto che al tavolo ci sono anche le riforme previste per le imprese.
  • Rivalutazione degli estimi catastali: l’intervento sulle proprietà immobiliari degli italiani è stato impegnativo, con un profitto generato dall’introduzione dell’IMU, la vecchia ICI, pari a 10 miliardi di euro. Ma per avviare un modello di uniformità nella valutazione delle abitazioni è stato deciso di  ricalcolare gli estimi catastali al fine di raddoppiare le entrate per le casse dello Stato.
  • Riduzione dell’elusione fiscale: obiettivo del governo è ridurre i sotterfugi legislativi permessi dalle norme vigenti. In sintesi si sta cercando di rendere più stringenti le leggi, per evitare la possibilità di generare mancate entrate allo Stato in una maniera consentita.
  • Spending Review: affidata al Ministro per i Rapporti con il Parlamento Giarda, consiste in una attenta analisi delle spese di ogni Dicastero per ridurre al minimo il peso degli stessi nel bilancio pubblico. Al momento sono state avviate le analisi per i Ministeri dell’Interno, Pubblica Istruzione e Affari Regionali, con l’obiettivo di risparmiare circa 5-10 miliardi già dall’anno in corso.

Come si può notare le possibilità di azione sono molte, ma va sempre considerato il rendimento che tali misure portano nelle casse dello Stato. Il risparmio associato alle stesse infatti garantisce dei benefici per tutti i cittadini.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

*

Feed RSS