8 possibilità per risparmiare acqua

Pubblicato da il 20/03/2015 in risparmio -

È possibile rispettare una preziosissima risorsa naturale come l’acqua anche nelle piccole e consuete azioni quotidiane? L’argomento è già stato affrontato in questo blog, ma il 22 marzo prossimo si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita dalle Nazioni Unite nel 1993, e l’occasione è propizia per “rinfrescare la memoria” su quanto già scritto e aggiungere altri accorgimenti.

Il tema del World Water Day 2015 è “Acqua e sviluppo sostenibile” per richiamare l’attenzione, come si legge nel sito ufficiale (unwater.org/worldwaterday), sulle risorse idriche e i servizi che forniscono, alla base della riduzione della povertà, della crescita economica e della sostenibilità ambientale.

Ridurre gli sprechi quotidiani può favorire il risparmio economico ma è, quindi, anche un gesto di rispetto verso una risorsa fondamentale per l’umanità. Si elencano a seguire 8 indicazioni per risparmiare acqua.

  1. Non consumare senza motivo: raccomandazione apparentemente banale, ma sempre utile; quando si fa la barba, si insaponano le mani o i piatti, e in tutti gli altri casi in cui lasciare scorrere l’acqua non è necessario, è bene chiudere i rubinetti.
  2. Riutilizzare: anche l’acqua si può riutilizzare; quella usata per cuocere la pasta può essere usata per sciacquare i piatti prima di metterli in lavastoviglie, quella utilizzata per lavare la verdura per bagnare le piante.
  3. Riflettere sull’uso degli elettrodomestici: lavatrici e lavastoviglie di classe energetica superiore consumano meno; inoltre è bene usarli solo a pieno carico e preferire, se previsti, i programmi di lavaggio ecologici.
  4. Controllare i rubinetti: periodicamente, può essere utile effettuare un controllo del contatore a rubinetti chiusi per capire se ci sono perdite da riparare. Inoltre, si possono ridurre i consumi d’acqua installando rompigetto areati sui rubinetti o erogatori a basso flusso sulla doccia;
  5. Fare attenzione allo scarico del Wc: lo sciacquone tradizionale consuma molta acqua, ma ne esistono a doppio tasto, che permettono un’erogazione differenziata.
  6. Innaffiare il giardino: meglio farlo verso sera, quando l’evaporazione è limitata, e, come si è visto al punto 2, con l’acqua utilizzata per lavare le verdure o quella piovana (raccolta tramite contenitori appositi da posizionare sotto la grondaia).
  7. Lavare l’auto: se si usa un secchio, invece del getto di acqua corrente, si riducono i consumi.
  8. Tenere una bottiglia d’acqua in frigo: d’estate, questo gesto permetterà di avere dell’acqua fresca sempre disponibile, invece di far scorrere a lungo l’acqua del rubinetto per ottenere lo stesso risultato.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS