Aste del Tesoro: i prossimi appuntamenti

Pubblicato da il 24/09/2012 in risparmio -
euro

La decisione della BCE di attivare un nuovo piano di acquisti illimitati di bond sovrani dell’eurozona (6 settembre 2012), unita all’approvazione del cosiddetto fondo salva-stati da parte della Corte Costituzionale tedesca (12 settembre 2012), hanno favorito la fiducia e la distensione dei mercati, portando ad un abbassamento dei tassi dei Titoli di Stato dei Paesi periferici (tra cui l’Italia) e, di conseguenza, dello spread.

Il rendimento dei BOT a 3 e 12 mesi emessi dal Tesoro il 12 settembre scorso, infatti, è calato rispettivamente dello 0,7% e dell’1,69%, raggiungendo valori che non venivano replicati da marzo, il che avrà un impatto positivo sulla sicurezza del risparmio.

Le richieste complessive, pari a poco meno di 21,6 miliardi di euro, hanno ampiamente superato i 12 miliardi collocati, 3 miliardi sui titoli a 3 mesi e 9 miliardi su quelli a 12 mesi, confermando ancora una volta l’interesse degli investitori nei confronti dei titoli italiani a breve.

I rendimenti dei BOT italiani possono comunque risultare interessanti se confrontati con quelli di pari scadenza di altri Paesi europei, come ad esempio la Germania.

Tra martedì e giovedì, inoltre, è prevista una nuova serie di aste attraverso le quali il Tesoro punta a raccogliere tra i 19,5 e i 23 miliardi di euro: martedì 25, verranno offerti tra i 3 e i 4 miliardi di titoli zero coupon (che rientrano tra quei titoli coperti dall’ombrello degli acquisti della BCE) e tra i 750 milioni e 1,5 miliardi di euro di titoli BtpEi.

Il tasso di interesse atteso per i titoli all’asta potrebbe essere inferiore anche rispetto all’ultima sessione di agosto, quando questo era sceso al 3,064% dal 4,86% del mese precedente.

Mercoledì toccherà invece ai BOT a sei mesi con scadenza 28 settembre 2012: 9 miliardi di euro l’ammontare previsto.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

*

Feed RSS