Auto usata: come risparmiare online

Pubblicato da il 16/01/2015 in risparmio -

Secondo il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, le auto vendute nel 2014 sono aumentate del 4,2% rispetto al 2013, anche se il mondo dei privati fa segnare la quota di mercato più bassa di sempre: 62,3% .

D’altra parte l’auto è una voce di spesa rilevante, dall’acquisto alla gestione. Per ovviare ai problemi di gestione si può prestare più attenzione ai consumi o utilizzare mezzi alternativi; nel caso dell’acquisto, per tutelare il proprio conto corrente si può scegliere un’auto usata, anche online (sarà la crisi e la necessità di risparmiare, ma i dati segnalano che il mercato dell’usato è cresciuto del 2,6% rispetto al 2013).

Sul web si possono trovare diversi siti dove è possibile acquistare auto usate, sia da concessionarie che da privati; alcuni esempi: Subito.it, AutoScout24.it, Kijiji.it, Secondamano.it.

Vantaggi

Ci possono essere tre principali benefici:

  • Tempo: invece di passare pomeriggi interi girando tra le concessionarie, i siti permettono di confrontare contemporaneamente molte autovetture, affinando la ricerca secondo diversi criteri (chilometri, prezzo, località, marca e così via);
  • Informazioni: il web permette di trovare informazioni utili al processo d’acquisto anche se poi si deciderà di concluderlo tramite canali più tradizionali, come le concessionarie;
  • Occasioni: potendo visionare più dati e fonti in breve tempo, può aumentare la possibilità di trovare l’occasione che fa al caso proprio.

Accorgimenti

Il web può essere uno strumento di risparmio se non si dimenticano alcune accortezze, legate alla “virtualità” del rapporto di compravendita:

  1. richiedere un incontro di persona con il venditore e vedere l’auto dal vivo, magari accompagnati da un meccanico di fiducia;
  2. evitare di pagare in anticipo;
  3. ricordarsi che online è possibile entrare in contatto anche con auto d’importazione e quindi essere consapevoli delle norme che regolano l’uscita dell’auto da un paese.

Inoltre, a prescindere dal canale di acquisto fisico o virtuale, può rivelarsi positivo valutare alcune caratteristiche dell’auto che influiscono sull’effettivo risparmio:

  • il modello: sembra scontato, ma se si vogliono evitare spese inutili, è bene scegliere un auto che sia in linea con le proprie esigenze di utilizzo, senza farsi influenzare dalla moda o dallo status symbol;
  • il chilometraggio: se l’auto ha già tanti chilometri, si risparmia nell’immediato ma poi si rischia di sopportare esborsi maggiori perché nel giro di pochi anni si rende necessario un altro acquisto;
  • lo stato di “salute”: è bene capire se la macchina ha subito incidenti o se il vecchio possessore ha avuto attenzione nell’effettuare tutti i tagliandi richiesti e la manutenzione necessaria in rapporto al tipo di veicolo;
  • ipoteche: conoscendo la targa si può chiedere una visura presso il P.R.A (Pubblico registro automobilistico),  al costo di pochi euro, così si potrà verificare se il veicolo presenta ipoteche o fermi amministrativi;
  • l’alimentazione (benzina, diesel, gpl, metano): è un fattore importante in termini sia di prestazioni che di costi di gestione.

Una volta individuate le auto d’interesse, può essere d’aiuto confrontarle, anche attraverso un semplice  foglio Excel, correlando costo di acquisto, orizzonte temporale di durata della macchina, consumi (valutati anche in base ai chilometri percorsi all’anno) e costi di gestione classici (assicurazioni, bollo, tagliandi, cambi gomme, carburante).

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS