BTp Day, un anno dopo: il rendimento premia i Titoli di Stato

Pubblicato da il 27/11/2012 in risparmio - 1 Commento
BTp e risparmio

Il 28 novembre 2011 si è tenuto il BTp Day, l’iniziativa finalizzata a promuovere l’acquisto di Titoli di Stato a condizioni favorevoli e senza alcun onere di commissione. La giornata si era chiusa positivamente, dato confermato dal numero record di scambi registrato da Borsa Italiana. A distanza di un anno, questo strumento di risparmio ha premiato chi ha saputo credere nella solidità del mercato italiano e della moneta unica.

L’analisi di CorriereEconomia ha rivelato come il rendimento (calcolato al netto dell’imposta su cedole e dell’imposta su disaggio d’emissione) dei Titoli di Stato ha finora garantito agli investitori un plusvalore, arrivato fino al 6% netto per i Bot ed oltre il 20% netto per i BTp. Le maggiori soddisfazioni sono arrivate proprio dai BTp dalla durata più lunga: il titolo con scadenza ad agosto 2017, il quarto tra i bond governativi più scambiati un anno fa (per un valore di movimenti pari a 121 milioni di euro), ha goduto di una rivalutazione in positivo del 21% netto. Anche le scadenze più brevi, come i Btp con termine ad agosto e dicembre 2013, hanno maturato un ritorno interessante, rispettivamente pari al 9% e 11% netti.

Oggi, la rinnovata fiducia nei mercati europei ha portato ad una contrazione dei tassi d’interesse offerti da queste tipologie d’investimento, soprattutto nel breve periodo. Secondo gli analisti, le opportunità si sono così spostate nelle scadenze a medio-lungo termine, dove gli investimenti pari o superiori a cinque anni offrono ancora rendimenti favorevoli.

Per i piccoli risparmiatori ci sono comunque soluzioni per valorizzare il proprio risparmio su scadenze non legate a livelli di rischio più alti: tra queste, il conto deposito online risulta tra i più apprezzati sul mercato, soprattutto nel caso in cui la banca erogatrice abbia deciso di farsi carico dell’imposta di bollo proporzionale prevista dal D.L. 16/2012.

Rendimax banner

1 Commento a "BTp Day, un anno dopo: il rendimento premia i Titoli di Stato"

Trackbacks

  1. Focus Titoli di Stato: la sicurezza risiede nella breve durata | SalvaRisparmio

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS