Come risparmiare sul carburante

Pubblicato da il 02/05/2013 in risparmio - 1 Commento

L’Italia è uno dei paesi europei in cui il prezzo dei carburanti è più caro. Questo a causa di una pressione fiscale molto elevata anche per l’effetto della situazione internazionale. Secondo l’Istat in un anno c’è stato un aumento del prezzo del Gpl e degli altri carburanti del 18%. Di fronte a questi dati, gli automobilisti è bene prestino molta attenzione, pensando in ottica di risparmio e controllo dei consumi attraverso alcune buone pratiche.

  • Limitare la velocità. Solitamente sopra i 90 km/h e per ogni 10 km/h oltre questo limite, si consuma circa l’8-10% in più.
  • Tenere un’andatura costante. Frenare e accelerare bruscamente aumenta i consumi. Per risparmiare è bene utilizzare marce lunghe anche a bassi regimi.
  • Spegnere il motore in caso di sosta. E’ utile per l’ambiente e permette di risparmiare fino al 10%.

Per ottenere un risparmio prolungato nel tempo è necessaria una corretta manutenzione della propria auto, facendo molta attenzione all’efficienza del motore. Viaggiare con una ruota sgonfia, con un carico eccessivo, con i finestrini aperti o peggio con il filtro dell’aria intasato, può causare un aumento dei consumi e diminuire la sicurezza.

Altroconsumo stima che per una percorrenza media di 20.000 km all’anno, un’auto in buone condizioni permette un risparmio da 276 a 552 euro se a benzina e da 257 a 514 euro se gasolio. E’ inoltre importante cambiare l’olio motore, di norma ogni 20 o 30 mila km.

Per risparmiare sul carburante occorre fare attenzione su dove si fa rifornimento, valutando i costi e scegliendo il self service quando si ha la possibilità. Un notevole risparmio arriva poi dalle pompe bianche, i distributori indipendenti, che possono garantire un risparmio di 5-6 centesimi di euro a litro.

Rendimax banner

1 Commento a "Come risparmiare sul carburante"

Trackbacks

  1. Carburante: come risparmiare | SalvaRisparmio

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS