Come risparmiare sulle spese di riscaldamento

Pubblicato da il 11/10/2012 in risparmio -
Risparmiare sul riscaldamento

La riaccensione ufficiale degli impianti di riscaldamento, in Italia, è imminente: al Nord è prevista per il prossimo 15 ottobre, mentre dal primo novembre sarà il turno alle regioni centrali.

I costi da sostenere per riscaldare uffici e abitazioni rappresentano una voce di spesa considerevole per molti utenti, sempre più interessati a capire come risparmiare su questo fronte per far quadrare i bilanci familiari.

Una possibile soluzione è rappresentata dalla contabilizzazione termica (obbligatoria per tutti gli edifici costruiti dal 30 giugno 2000 in poi ed, entro qualche anno, anche per quelli la cui realizzazione precede tale data). Si tratta del conteggio della quantità di calore effettivamente consumata da ogni unità immobiliare, in modo da ottenere un addebito proporzionale dei costi. Per risparmiare sarà quindi sufficiente consumare meno, magari avvalendosi di strumenti regolatori come le valvole termostatiche che, installate su ciascun termosifone, permettono di impostare autonomamente la temperatura.

Il costo unitario delle valvole, pari a circa 140 euro (200 se si tratta di apparecchi cronotermostatici, ossia tali da permettere una programmazione anticipata degli orari di accensione e spegnimento), può essere ammortizzato in meno di 5 anni, allo scadere dei quali il risparmio diventa reale. Chi installa le valvole nella propria abitazione, inoltre, ha diritto ad un’agevolazione sulla ristrutturazione edilizia pari al 50% in 10 anni per le spese sostenute fino al 30 giugno 2013 e al 36% per quelle successive.

Anche installare un caldaia ad alta efficienza energetica consente di ridurre i consumi. In tal caso, è anche disponibile un bonus energetico del 55% in 10 anni se si interviene entro il 2012 e del 50% per i costi sostenuti nel primo semestre del 2013.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

*

Feed RSS