Imposta di bollo: proposte di modifica

Pubblicato da il 25/11/2013 in risparmio -

L’imposta di bollo è un tema molto sentito per tutti i risparmiatori perché riguarda alcuni strumenti tra i più preferiti, come il conto deposito.

Facendo un rapido riassunto della situazione attuale, la Legge di Stabilità per il prossimo anno dovrebbe contenere l’aumento dell’imposta dal 0,15% al 0,20%, con un minimo di 34,20 euro, che non riguarderebbe però fondi pensione e polizze vita tradizionali.

La modifica, non ancora approvata, inciderebbe in misura diversa sul risparmio perché, come afferma Ugo Biggeri, Presidente di Banca Etica: “Il bollo fisso di 34,20 euro è una palese iniquità ai danni dei piccoli risparmiatori: chi detiene per esempio depositi per 500 euro, si trova infatti a pagare una, incostituzionale, tassa regressiva che supera il 6,8% contro lo 0,15%, che potrebbe diventare il 2 per mille con la nuova finanziaria, imposto a chi detiene somme superiori ai 17.100 euro”.

Alcuni emendamenti sono stati presentati da qualche senatore proprio per cercare di evitare questa situazione.

Per ora non sono ancora coinvolti dalle modifiche le persone che hanno titoli depositati all’estero che non sono soggetti all’imposta di bollo ma alla Ivafe (Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero) che resta allo 0,15%.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS