Imposta sull’Imu: quale risparmio?

Pubblicato da il 20/05/2013 in risparmio - 1 Commento

In attesa di un provvedimento definito dal Governo, la sospensione della rata di giugno dell’Imu porterà nelle tasche degli italiani un risparmio medio di 112 euro con punte di 269 euro a Roma, 237 euro a Torino e 189 euro a Napoli secondo i calcoli della Uil (Unione Italiana del Lavoro).

Un piccolo cambiamento in attesa della norma definitiva che regola il pagamento dell’imposta. Il rinvio di giugno non riguarda tutti i proprietari di prima casa. La rata rimane per le abitazioni considerate di pregio e classificate come A1 e A8: abitazioni di tipo signorile, ville, castelli e palazzi.

Per le imprese, sarà consentita la deducibilità delle imposte dirette (Irpef e Ires) dell’Imu sui capannoni ad uso industriale. Secondo uno studio della CGIA di Mestre il vantaggio fiscale medio sui capannoni sarà di oltre 3.300 euro, ad esempio, per una Srl metalmeccanica con un reddito di 90mila euro, un capannone da 5.000 metri quadri e una rendita catastale di oltre 9.500 euro.

Secondo il prospetto della CGIA, un commerciante con un reddito di 30mila euro che lavora in un negozio di 71 mq risparmierebbe mediamente 454 euro all’anno. Un artigiano installatore di impianti, con un reddito di 40mila euro in un piccolo capannone di 500 mq, potrebbe pagare 833 euro in meno.

Un risparmio importante soprattutto per le attività produttive, da qui la necessità, secondo la CGIA, di estendere questo provvedimento anche per le Piccole Medie Imprese.

Rendimax banner

1 Commento a "Imposta sull’Imu: quale risparmio?"

Trackbacks

  1. Bye bye IMU, arriva la Service Tax | SalvaRisparmio

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS