Rendimento dei Titoli di Stato: previsti rialzi, ma non per l’Italia

Pubblicato da il 17/07/2012 in risparmio - 1 Commento
dollari

Durante la prima decade di luglio abbiamo assistito ad un nuovo imprevisto calo dei rendimenti dei Titoli di Stato di molti Paesi, ma gli analisti continuano a ritenere che, salvo interventi da parte delle Banche centrali (come FED e BCE), la tendenza di medio e lungo termine sarà al rialzo, a causa delle cattive condizioni dei conti pubblici degli Stati che li emettono.

L’unica eccezione a questa tendenza sembrerebbe essere rappresentata dai titoli italiani, per i quali ci si attende un calo dei rendimenti soprattutto nel medio termine. Secondo un articolo di Plus24 (inserto del Sole 24 Ore) del 14 luglio scorso, i titoli che presentano i più ampi margini di ribasso sono i BTp decennali, il cui rendimento dovrebbe diminuire di oltre 40 centesimi nel corso del prossimo trimestre.

In effetti, sebbene lo scorso 13 luglio l’agenzia di rating Moody’s abbia declassato il merito di credito dell’Italia, l’ultima asta dei BTp a medio e lungo termine ha ottenuto una domanda più che doppia rispetto all’offerta, consentendo al Tesoro di raggiungere l’obiettivo massimo di 5,25 miliardi di euro anche grazie ad investitori esteri.

Tale risultato ha generato un ribasso del rendimento dei titoli stessi (il tasso di interesse lordo dei BTp a 3 anni, ad esempio, è sceso al 4,65% rispetto al 5,3% della precedente asta di metà giugno). Gli interessi generati dai titoli a due e trent’anni dovrebbero invece subire cali compresi tra 10 e 20 punti base.

Molti risparmiatori ed Istituti hanno dunque dato fiducia a questo particolare strumento di deposito, dimostrando di considerarlo ancora affidabile anche dal punto di vista della sicurezza.

Per tutelare il più possibile il proprio risparmio dalla volatilità dei mercati, è comunque importante tenere sempre ben presente la regola aurea: diversificare il più possibile il proprio portafoglio supportati, quando possibile, da un consulente fidato.

Rendimax banner

1 Commento a "Rendimento dei Titoli di Stato: previsti rialzi, ma non per l’Italia"

Trackbacks

  1. Conto deposito: un’alternativa sicura per chi vuole risparmiare | SalvaRisparmio

SCRIVI UN COMMENTO

*

Feed RSS