Riscaldamento: 5 modi per risparmiare

Pubblicato da il 12/02/2014 in risparmio - 2 Commenti

Quando arrivano il freddo e la stagione invernale uno dei primi pensieri è quello di riscaldare la propria casa.

Per farlo si può arrivare anche a spendere cifre considerevoli ma, seguendo queste 5 mosse, si può risparmiare sulla bolletta:

  • evitare di accendere l’impianto di notte e mantenere una temperatura di circa 20 gradi. Ogni grado in più potrebbe far aumentare i consumi anche del 7%;
  • aprire le finestre per far cambiare l’aria nella stanza preferibilmente la mattina o comunque quando i caloriferi sono spenti. Possono essere sufficienti anche solo 10 minuti per il ricircolo;
  • far controllare periodicamente l’impianto in modo da scongiurare malfunzionamenti che potrebbero far lievitare i costi;
  • verificare che i termosifoni siano liberi da barriere che non lasciano passare il calore, come ad esempio tende o contenitori;
  • ridurre il più possibile o evitare gli spifferi d’aria e dispersione di calore utilizzando pannelli termoisolanti, infissi maggiormente isolanti oppure dei semplici paraspifferi per le porte.

Questi sono alcuni accorgimenti che si possono seguire per risparmiare senza rinunciare al tempore casalingo.

Rendimax banner

2 Commenti a "Riscaldamento: 5 modi per risparmiare"

  1. enrico porcellini 12/02/2014 at 21:29 ·

    Il risparmio maggiore e’ stato affidato alle valvole termostatiche.. ma che senso hanno queste valvole se e’ possibile impostarle con temperature fino ed oltre i 30 gradi. In commercio dovevano essere fatte con una regolazione massima a 21 gradi, e quelle nei bagni a 23 gradi, allora si che avremmo risparmiato anche a livello nazionale. Il colmo e’ pure che sulle bollette piu’ consumi e meno costa il MC di metano. Io con l’utilizzo di un doppio temporizzatore collegato al termostato ambiente che e’ impostato a 20 gradi faccio funzionare la caldaia 15 minuti e poi la fermo 5 minuti, continuativamente giorno e notte in casa ho una temperatura costante senza sbalzi, ma nello stesso tempo la caldaia rimane ferma 6 ore al giorno come prescritto. Un saluto

  2. Redazione 12/02/2014 at 22:35 ·

    Ciao Enrico, ti ringraziamo per il tuo contributo e per aver condiviso con noi le tue riflessioni ed esperienza. Continua a seguirci!

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS