Risparmio: il conto deposito titoli

Pubblicato da il 18/06/2012 in risparmio -
borsa

Gli investitori che scelgono di dedicare una parte del proprio risparmio alla compravendita di Titoli e Azioni, sia in Internet (cosiddetto trading online) che mediante canali più tradizionali, spesso gestiscono il denaro derivante da tali transazioni attraverso un conto corrente dedicato: il conto deposito titoli.

Si tratta di uno strumento finanziario pensato appositamente per questo tipo di operazioni le cui spese, oltre ai costi ordinari di gestione (quali, ad esempio, le commissioni e l’imposta di bollo, prevista in misura proporzionale – 1 per mille nel 2012 e 1,5 per mille nel 2013 – al valore di mercato se presente o, in alternativa, al valore nominale/di rimborso), dipendono dal numero di negoziazioni, acquisti e vendite dei titoli su Borse e mercati e dalla tipologia di prodotti su cui si sceglie di investire (gestire titoli esteri comporta spese maggiori rispetto ai titoli nazionali).

Poiché non è possibile pagare le imposte tramite il deposito titoli, è necessario collegare lo stesso ad un conto corrente ordinario.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

*

Feed RSS