SAV€Rio, il budget planner di Consob

Pubblicato da il 26/05/2016 in risparmio -

Le recenti vicende, tutt’ora in essere, che hanno visto coinvolti molti risparmiatori nel crack di alcune banche, hanno fatto si che i media e gli organismi di vigilanza focalizzassero l’attenzione sull’educazione finanziaria. Recenti studi hanno dimostrato come gli italiani siano la popolazione più lungimirante e più dedita al risparmio, tuttavia è emerso che molte scelte vengono effettuate senza una reale conoscenza del mercato e dei prodotti che si sottoscrivono; un risparmio più di quantità che di qualità quindi. Nel dettaglio, si è scoperto che gli “errori” più tipici sono legati alla tipologia di investimento (in particolar modo sul grado di rischio che lo caratterizza), alla scelta temporale e alla percentuale del budget da allocare al risparmio.

Tra le varie iniziative messe in atto dalla Consob, Autorità dei mercati finanziari e dei prodotti di investimento, la più recente e fra le più interessanti è stata la creazione di un “portafoglio” virtuale. SAV€Rio, così si chiama lo strumento, consente di pianificare e controllare le spese personali in relazione al reddito disponibile, favorendo il raggiungimento del proprio obiettivo di risparmio; una sorta di agenda su cui stilare il proprio budget. Questa applicazione permette di suddividere le entrate e le uscite per tipologia, evidenziando le aree dove è possibile “limare” qualche spesa per raggiungere più facilmente i nostri obiettivi. L’importanza di questo tool è evidente: stilare un budget è il primo e fondamentale passo per gestire al meglio le spese famigliari e personali. Dobbiamo ragionare infatti come se fossimo un’azienda che pianifica degli obiettivi, sceglie dei mezzi per raggiungerli, stima i costi e monitora la situazione periodicamente. In questo modo avremo più consapevolezza di “dove siamo” e di “dove vogliamo arrivare” e sarà più semplice scegliere prodotti di risparmio adatti alle nostre esigenze.

Il segreto per compiere scelte oculate non esiste, tuttavia ci sono alcune precauzioni che possono salvare i nostri risparmi:

  • leggere, informarsi. Sia che si operi in autonomia, sia che ci si affidi al risparmio gestito, è fondamentale riuscire a comprendere come funziona il prodotto che si sta sottoscrivendo, quali sono i vincoli, quali sono i costi e soprattutto quali sono i rischi. Oltre ad una discreta conoscenza dei prodotti e del loro funzionamento è utile essere aggiornati sulle dinamiche di mercato (es. crisi generalizzata, boom economico di una determinata area geografica, ecc).
  • diversificare gli investimenti. Preferireste giocare una partita di calcio con una squadra composta da 11 giocatori o da 1 giocatore singolo? Diversificando su più prodotti, essi possono bilanciare tra loro eventuali rendimenti negativi, mettendo al riparo le somme risparmiate. Questa filosofia trova applicazione nel caso di prodotti a capitale non garantito, viceversa, se si scelgono prodotti sicuri come il conto deposito, la scelta migliore è optare per la soluzione con il miglior rapporto tra rendimenti, costi e solidità dell’Istituto di Credito.
  • diffidare dai facili guadagni. Nessuno al mondo è disposto a dare tutto in cambio di niente, così anche il mercato finanziario. Alti rendimenti corrispondono ad elevati rischi, pertanto è bene diffidare dalle situazioni che promettono rendimenti fuori mercato.
Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS