Smartphone: la nuova carta di pagamento

Pubblicato da il 06/02/2012 in risparmio - 1 Commento

Al giorno d’oggi i cellulari sono diventati indispensabili e permettono di effettuare molte operazioni un tempo impensabili. Una delle nuove funzionalità in procinto di essere introdotte nei telefonini è la possibilità di trasformarsi in una sorta di carta di pagamento per i piccoli acquisti. Sfruttando la tecnologia NFC, Near Field Communication, è infatti possibile pagare dei piccoli acquisti avvicinando il cellulare ad un lettore ottico che ne registra i dati del possessore. La possibilità di sfruttare questa nuova tecnologia ha ottenuto il nulla osta da parte della Banca d’Italia lo scorso 30 luglio, a patto  che essa sia vincolata ai cosiddetti micro pagamenti.

Grazie ad una ricerca effettuata da Open Gate Italia per la Fondazione Ugo Bordoni, è stato possibile valutare e fare delle previsioni sulle potenzialità della nuova tecnologia. Secondo questo studio, entro il 2015 il volume di acquisti generato dalla nuova modalità di pagamento si dovrebbe attestare intorno a 3 miliardi di euro. Inoltre tale strumento, unito alle nuove leggi emanate dal governo Monti, dovrebbe far emergere circa 20 miliardi di euro del cosiddetto “mercato nero”, ossia quello relativo alla microevasione (un classico esempio è quello della mancata emissione dello scontrino fiscale per i piccoli acquisti come quelli dei bar).

L’obiettivo è quello di riuscire ad unire le varie proposte commerciali, che a partire dallo scorso luglio sono state create dalle aziende. Ad oggi infatti le offerte sono oltre un centinaio, tra le quali citiamo:

  • M-Pay è una piattaforma gestita dai principali operatori di telefonia mobile italiana (Vodafone, Tim, H3G, Wind, Fastweb e Poste Mobile) dedicata alla vendita di contenuti digitali acquistabili attraverso il credito telefonico.
  • ATM (Azienda Trasporti Milanesi) in collaborazione con Telecom Italia ha previsto il pagamento degli abbonamenti tramite PayPal con successiva validazione dell’acquisto attraverso un cellulare dotato di tecnologia NCF.
  • PayPass di Mastercard, è una carta magnetica che consente gli acquisti con l’avvicinamento della stessa ad un lettore ottico.

La necessità primaria è dunque quella di far dialogare queste aziende per creare uno modello di pagamento unico e dedicato. I benefici di questa tecnologia saranno non solo destinati ai clienti, ma anche al Paese, in quanto tutto questo garantisce il risparmio nell’emissione di denaro.

Rendimax banner

1 Commento a "Smartphone: la nuova carta di pagamento"

Trackbacks

  1. Come risparmiare telefonando gratis | SalvaRisparmio

SCRIVI UN COMMENTO

Feed RSS