Conto corrente online: arrivano le impronte digitali

Pubblicato da il 19/07/2016 in conto corrente -
impeonte digitali

Il conto corrente online è uno strumento in rapida diffusione presso i risparmiatori, in quanto consente solitamente un risparmio sui costi, che talvolta vengono azzerati, e la possibilità di effettuare l’accesso ovunque ci si trovi, grazie ai dispositivi mobile. L’accesso al conto online è possibile attraverso l’inserimento di alcuni codici, costituiti tipicamente da uno username (o codice cliente), da una password statica e da una password dinamica OTP (password generata da dispositivi detti “token” o tramite app per dispositivi mobile). In questo modo è possibile garantire al cliente la massima tutela in termini di sicurezza anche qualora un terzo dovesse entrare in possesso delle credenziali statiche. Di contro, il cliente dovrà tenere a portata di mano il generatore della OTP e dovrà ricordare (o memorizzare in qualche modo) le password statiche: ciò può rivelarsi complicato quando si possiedono svariati conti online. Per ovviare a questa problematica, alcune grandi banche del Nord e Sud America hanno introdotto la possibilità di effettuare l’accesso al proprio conto autenticandosi mediante impronte digitali, riconoscimento facciale (in particolare dell’iride dell’occhio), o tramite riconoscimento vocale.

Lo scopo dell’introduzione di questi metodi di riconoscimento alternativi sono dettati anche dal fatto che i clienti sono spaventati dai numerosi casi di furti d’identità o di hackeraggio di carte di credito, bancomat e conti correnti. Idealmente, sarebbe molto più complicato per dei malintenzionati rubare o hackerare dei dati biometrici (voce, impronte, iride, ecc) piuttosto che delle password costituite da caratteri alfanumerici; tuttavia la registrazione di questi dati e la loro protezione dovranno avvenire con metodi sempre più rigorosi dato che si tratta di elementi assai più personali e specifici rispetto alle password tradizionali. Inoltre, affinchè tali sistemi possano diffondersi, è necessario che gli smartphone vengano dotati della tecnologia apposita per effettuare le scansioni e che le tecnologie al momento esistenti vengano perfezionate per non dare adito a buchi di sicurezza.

Al momento, la prospettiva che i nuovi metodi di riconoscimento soppiantino quelli tradizionali è assai remota, in particolar modo nel nostro Paese, ove sono ancora in molti ad essere restii nell’utilizzo di prodotti di risparmio online. L’elemento sicurezza è infatti molto importante e può far pendere l’ago della bilancia su un conto corrente online piuttosto che su un altro. Gli elementi utili a verificare la sicurezza sono costituiti dai protocolli usati per la connessione, dalla possibilità di bloccare il conto o la carta in qualsiasi momenti, dall’utilizzo di almeno 3 credenziali diverse, dalla possibilità di essere aggiornati in tempo reale sulle movimentazioni attraverso sms o notifiche delle app.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Premendo il pulsante di invio dichiaro di aver preso visione delle Web Privacy Policy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679. I dati personali forniti saranno acquisiti da Banca IFIS S.p.A. che li tratterà, in qualità di Titolare, esclusivamente per adempiere alla richiesta.

Feed RSS