Conto corrente e sicurezza

Pubblicato da il 12/07/2016 in conto corrente -
sicurezza

Il motivo per cui si utilizza un prodotto di risparmio è certamente quello di remunerare le proprie somme, ma al contempo tutelarle, cosa impossibile se ci limitassimo a tenere i nostri soldi “sotto al materasso”. A tal proposito, un fattore fondamentale da tenere in considerazione quando si sceglie un prodotto è la sicurezza, intesa come la certezza che il proprio risparmio sia al sicuro rispetto a vicende non attinenti al normale funzionamento del prodotto . In questo articolo parliamo di sicurezza applicata al conto corrente, strumento scelto dalla stragrande maggioranza di italiani in quanto indispensabile per effettuare pagamenti, farsi accreditare lo stipendio e utilizzare molti altri servizi.

I correntisti sono gli ultimi clienti ad essere chiamati in causa in caso di bail in: ciò significa che, nel caso in cui la banca dovesse essere in una situazione di difficoltà, prima che vengano intaccate le somme depositate sui conti corrente, saranno chiamati in causa azionisti ed obbligazionisti. Inoltre, i depositi fino a 100 mila euro sono garantiti dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (FITD), che interviene in caso di bail in al posto dei correntisti. Pertanto tale strumento si rivela molto sicuro per tutelare i propri risparmi e, talvolta, riesce a garantire una buona remunerazione, come nel caso del conto corrente ad alto rendimento. Per una sicurezza maggiore, è comunque consigliabile affidarsi a prodotti emessi da Istituti di Credito caratterizzati da una elevata solidità: essa si può determinare attraverso un particolare indice: il Cet 1 ratio che è pubblicato tra i risultati finanziari periodici delle banche. Più il valore è elevato, maggiore sarà la solidità dell’Istituto.

Finora abbiamo legato il concetto di sicurezza a quello di solidità. tuttavia la sicurezza è da intendersi anche come protezioni dalle frodi operate da soggetti esterni. Molti conti corrente, in particolare quelli con costi inferiori e rendimenti superiori, sono proposti online. Ciò non significa che essi meno sicuri di quelli proposti attraverso il canale tradizionale della filiale: oltre ad utilizzare protocolli di sicurezza che “blindano” le posizioni dei clienti, le operazioni sono possibili solo utilizzando una pluralità di password, tra cui le OTP, ossia delle password utilizzabili una sola volta che vengono generate tramite dispositivi portatili o app mobile in possesso del cliente. L’eventuale malintenzionato dovrebbe quindi non solo venire a conoscenza del codice cliente e della password standard dell’utente, ma anche entrare in possesso del suo dispositivo per la generazione dell’OTP. Inoltre molti conti offrono la possibilità di impostare un alert che ad ogni movimentazione la notifichi via sms, così da monitorare eventuali operazioni sospette ovunque ci si trovi.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Premendo il pulsante di invio dichiaro di aver preso visione delle Web Privacy Policy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679. I dati personali forniti saranno acquisiti da Banca IFIS S.p.A. che li tratterà, in qualità di Titolare, esclusivamente per adempiere alla richiesta.

Feed RSS