I costi del conto corrente nel 2014

Il XII Rapporto Conti Correnti di Osservatorio Finanziario offre un interessante resoconto sul cambiamento delle condizioni economiche dei conti correnti da settembre 2013 a settembre 2014.

Il rapporto evidenzia come i possessori di conto corrente abbiano dovuto fronteggiare un chiaro aumento dei costi.

A seguire si riportano i principali risultati della ricerca, che ha preso in considerazione 75 conti (50 per famiglie e 25 online):

  1. Rendimento. Cala nel 2014, dato che in media il tasso lordo si attesta allo 0,23%, rispetto allo 0,42% del 2013.
  2. Canone annuo. In media, oggi un conto corrente prevede un esborso di 44,65 €, in aumento del 40,45% rispetto ai 33,70 € necessari nel 2013.
  3. Carta di pagamento e di credito. La prima, nel 2014, ha un costo medio di 2,62 € (aumentato del 34,35% rispetto ai dodici mesi precedenti). Per la carta di credito la spesa è di 19,46 € (unica voce in calo, dato che a settembre 2013 costava 20,02 €).
  4. Internet banking. Chi utilizza questo servizio in media spende nel 2014 1,25 euro in più rispetto al 2013.
  5. Prelievi da ATM. Nell’anno in corso si spendono 2,76 €, in aumento del 4,44% rispetto all’anno precedente.
  6. Bonifico. Eseguito in filiale, implica un esborso di 3,88 €, mentre un anno fa era di 3,75 (+3,46%). Effettuato online tramite home banking, il risparmiatore deve spendere nel 2014 1,15 €: anche in questo caso la spesa cresce del 69,11% rispetto alla commissione di 0,68 euro del 2013.