Come scegliere il conto deposito giusto

Pubblicato da il 18/02/2016 in conto deposito -

Il conto deposito è uno degli strumenti di risparmio più utilizzati dagli Italiani: da una recente indagine di Ipsos, pubblicata su Il Sole 24 Ore, lo sceglie quasi il 15% dei risparmiatori. Le proposte in merito a questo prodotto sono molteplici, sia online che offline, e ciascuna ha caratteristiche diverse. Quali sono allora i parametri da valutare per propendere verso una soluzione piuttosto che un’altra?

I rendimenti sono uno degli elementi più importanti da considerare per scegliere il conto deposito, d’altronde l’obiettivo del risparmiatore è quello di tenere al sicuro il proprio denaro e, al contempo, di ricavarne un certo profitto. Il confronto dei tassi di interesse va fatto sempre tra tassi lordi o netti, evitando di confondere le due tipologie, inoltre bisogna prestare attenzione al fatto che essi siano liquidati anticipatamente o posticipatamente, reinvestiti o meno sul conto deposito. Per effettuare una corretta comparazione, bisogna considerare i tassi proposti su un medesimo arco temporale.

Altro parametro da non sottovalutare per scegliere il conto deposito sono i costi, che comprendono le spese di apertura, gestione e l’imposta di bollo, fattori che possono avere un peso più o meno rilevante. Sono da preferire chiaramente soluzioni che non prevedano costi e, possibilmente, con l’imposta di bollo a carico della banca. Quest’ultima pesa infatti per uno 0,2% sul capitale depositato, pertanto può rivelarsi un fattore determinante per propendere per una determinata soluzione.

La sicurezza è uno degli aspetti certamente più importanti da considerare quando si tratta di scegliere il conto deposito. Partendo dal fatto che i conti deposito sono tutelati dal FITD per importi sino a 100.000 euro, ci sono alcuni parametri da tenere in considerazione per stabilire se la banca alla quale ci stiamo affidando è sicura o meno, consultabili sul bilancio della banca stessa. Tra i più utilizzati vi sono il Common Equity Tier 1 (CET1) ratio e l’Equity. Qualora si fosse incerti sulla scelta della soluzione più adatta alle sue esigenze, ci si può rivolgere ad un esperto del settore.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Premendo il pulsante di invio dichiaro di aver preso visione delle Web Privacy Policy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679. I dati personali forniti saranno acquisiti da Banca IFIS S.p.A. che li tratterà, in qualità di Titolare, esclusivamente per adempiere alla richiesta.

Feed RSS