Risparmiare al riparo dalla volatilità: quali sono i vantaggi dei PCT?

Pubblicato da il 04/09/2012 in conto deposito -

Tra gli effetti dell’attuale volatilità dei mercati sulle scelte di risparmio delle famiglie vi è un aumento di investimenti in Pronti Contro Termine (PCT).

Questi strumenti di deposito a breve e brevissimo termine sembrano dare maggiori garanzie di sicurezza rispetto alla forte incertezza di molte alternative di pari scadenza, a cominciare dai Titoli di Stato.

Da circa un anno a questa parte i PCT offrono un rendimento piuttosto stabile, con tassi medi fra il 2,8 e il 3% per scadenze a 12 mesi. Sebbene l’offerta di molte banche sia piuttosto standardizzata relativamente a questi strumenti di deposito (3, 6, 9 e 12 mesi), la loro struttura flessibile permette, teoricamente, di creare operazioni ad hoc per ogni singolo risparmiatore, secondo orizzonti temporali che possono variare da poche settimane a un anno.

L’aumento dei PCT nel paniere dei risparmiatori è dovuto anche ad alcune recenti novità ed, in particolare, alla loro maggiore accessibilità anche da parte di chi non dispone di capitali ingenti. Fino a poco tempo fa, infatti, non era semplice per un privato acquistare PCT per meno di 10.000 o 50.000 euro. Oggi, invece, tali operazioni richiedono in genere un investimento minimo non superiore ai 5.000 euro e alcuni istituti di credito online offrono soluzioni anche a partire da cifre inferiori.

Tuttavia, un’altra novità relativa ai PCT si è dimostrata meno favorevole per i risparmiatori in termini di trattamento fiscale: l’aliquota sugli interessi dei PCT è stata portata al 20% per uniformarla a quella sui depositi (tradizionali e online) e sui certificati di deposito online, mentre fino al 2011 le imposte a cui era soggetto questo strumento erano assimilate a quelle dei titoli obbligazionari pubblici, con una tassazione al 12,5%.

Considerando l’attuale tasso d’inflazione intorno al 3%, i PCT potrebbero inoltre non soddisfare le aspettative di quanti intendono tutelare il proprio denaro dal carovita oltre che dalla volatilità dei mercati.

Tra le varie alternative di investimento, a tal proposito, il conto di deposito può offrire, in base alla formula scelta, rendimenti lordi annui anche superiori al 4,80%, che potrebbero tradursi in un guadagno interessante soprattutto se la banca si fa carico dell’imposta di bollo proporzionale fissata dal decreto Salva-Italia.

In ogni caso resta di fondamentale importanza diversificare il più possibile il proprio portafoglio per tutelarlo dall’incertezza, magari avvalendosi di un consulente esperto e fidato per le scelte di investimento.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Premendo il pulsante di invio dichiaro di aver preso visione delle Web Privacy Policy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679. I dati personali forniti saranno acquisiti da Banca IFIS S.p.A. che li tratterà, in qualità di Titolare, esclusivamente per adempiere alla richiesta.

Feed RSS