Come risparmiare sul mutuo: il fondo di Stato

I consumi si contraggono, ma ripartono i mutui per l’acquisto di immobili: analizzando 84 banche, l’Abi ha evidenziato che:

  • i mutui hanno avuto un incremento del 29,2% su base annua nei primi 7 mesi del 2014;
  • il tasso di interesse medio sulle operazioni di acquisto di nuove abitazioni è sceso al 3,19% ad agosto rispetto al 3,23% del mese precedente.

Come risparmiare con lo Stato. Arriva il Fondo di garanzia per l’acquisto della prima casa, introdotto dalla Legge di Stabilità del 2014; ad inizio ottobre il Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’Abi hanno firmato il protocollo di intesa che stabilisce come  banche e intermediari finanziari aderiranno alle iniziative del Fondo.

Il fondo di garanzia prevede:

  • uno stanziamento di 650 milioni di euro per gli anni 2014, 2015 e 2016;
  • la concessione di garanzie da parte dello Stato nella misura massima del 50% della quota capitale sui mutui ipotecari per l’acquisto, la ristrutturazione e il miglioramento energetico degli immobili destinati a prima casa (non di lusso).

Si potrà beneficiare se:

  • il mutuo non supera i 250 mila euro;
  • l’abitazione acquistata o che si vuole ristrutturare non è inserita nelle categorie catastali A1, A8 e A9;
  • non si è proprietari di altri immobili ad uso abitativo (tranne i casi in cui il possesso derivi da successione o se l’immobile è stato dato in uso gratuito a genitori o fratelli).

Inoltre, il fondo ha lo scopo si facilitare chi normalmente fa più fatica ad accedere al muto ipotecario: giovani coppie, nuclei familiari composti da un solo genitore, giovani con età inferiore ai 35 anni e inquadrati con un contratto di lavoro atipico, avranno priorità nella concessione della garanzia.