Imu: chi ha versato meno non sarà sanzionato

Pubblicato da il 19/06/2012 in news - 2 Commenti

Scadeva ieri il termine per il pagamento della prima rata dell’Imu, la nuova tassa sugli immobili che per la prima volta ha messo alla prova i contribuenti, ai quali è spettato direttamente il calcolo della quota da pagare e da riportare sul modello F24. Per questo il governo ha deciso di non sanzionare né applicare interessi a quanti avranno eventualmente versato un importo non corretto.

Potranno tirare un sospiro di sollievo i risparmiatori distratti o meno portati per la matematica che non rischieranno, dunque, di veder ulteriormente intaccato il proprio risparmio dal Fisco: sarà sufficiente versare la seconda rata, in scadenza il 17 dicembre prossimo, con un conguaglio sulla prima.

È invece prevista una sanzione del 30% per chi non ha versato l’imposta. Anche in questo caso, tuttavia, sono previste ben tre possibilità di ravvedimento (fermo restando il pagamento degli interessi legali del 2,5% annuo):

  • ravvedimento “sprint”, per chi effettua il versamento entro i 14 giorni successivi alla scadenza del termine, con la sanzione dello 0,2% giornaliero per ogni giorno di ritardo fino ad un massimo del 2,80%;
  • ravvedimento breve o mensile, applicabile a chi versa l’imposta tra il quindicesimo ed il trentesimo giorno successivo alla scadenza prevista con una sanzione pari al 3%;
  • ravvedimento annuale, con la sanzione del 3,75% per chi regolarizza la propria posizione entro un anno.

In questi casi, le sanzioni e gli interessi vanno versati insieme all’imposta dovuta.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Premendo il pulsante di invio dichiaro di aver preso visione delle Web Privacy Policy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679. I dati personali forniti saranno acquisiti da Banca IFIS S.p.A. che li tratterà, in qualità di Titolare, esclusivamente per adempiere alla richiesta.

Feed RSS