Come risparmiare con lavatrice e frigo

Gli elettrodomestici fanno parte della vita quotidiana, in particolare la lavatrice e il frigorifero, che è costantemente in funzione. Il più delle volte vengono acquistati sulla base di considerazioni estetiche o di funzionalità. Ma per risparmiare energia è bene analizzare attentamente le possibilità a disposizione per ridurre i consumi.

Una lavatrice, per esempio,  consuma in media 300 kWh all’anno, il che si traduce in una spesa di circa 92 euro. I nuovi modelli in classe A permettono risparmi fino al 25%. Le lavatrici di ultima generazione sono inoltre dotate dell’allaccio diretto all’acqua calda proveniente da fonti rinnovabili, come i pannelli solari. Valgono in ogni caso alcune regole di buon senso:

  • sfruttare al massimo lo spazio disponibile per ogni lavaggio;
  • impostare programmi a basso consumo;
  • eseguire una corretta manutenzione.

Quanto ai frigoriferi, un elettrodomestico della capacità di 400 litri consuma 350 kwh in classe A+, 260 in classe A++ e 175 in classe A+++, con un risparmio complessivo che può arrivare fino a 35 euro all’anno. Con il Bonus Mobili in vigore fino a fine 2015, ma che dovrebbe essere prorogato al 2016 dalla legge di Stabilità, si può usufruire della detrazione Irpef del 50% anche per l’acquisto di elettrodomestici di classe non inferiore all’A+; ad oggi questo bonus è legato alla detrazione per ristrutturazioni.
Alcuni modelli di frigoriferi sono caratterizzati da tecnologie evolute che, oltre al risparmio energetico, consentono una migliore e più razionale conservazione dei cibi. I vari settori del frigo sono controllati da sensori che gestiscono le diverse zone del freddo in relazione alla tipologia degli alimenti e regolano automaticamente i climi interni in relazione alle variazioni di temperatura esterne. Il flusso dell’aria fredda è diretto solo verso i cibi freschi, il che contribuisce a una loro migliore conservazione e sono previste anche aree chiuse a gradi zero che consentono di evitare i numerosi sprechi legati al rapido deperimento dei cibi cucinati. Con questo tipo di elettrodomestici non si risparmia solo sulla bolletta, ma anche sulle spese alimentari.