Comprare casa: si può risparmiare?

Pubblicato da il 10/04/2015 in risparmio -

Secondo l’Istat i prezzi delle abitazioni sono calati del 4,2% nel 2014 rispetto all’anno precedente; l’Istituto evidenzia che la flessione è imputabile a una diminuzione del 5% dei prezzi delle abitazioni esistenti e del 2,2% di quelle nuove. Se si fa un paragone con il 2010, i prezzi delle case sono calati dell’11,5%. Viene segnalata anche la ripresa, nell’ultimo anno, dei volumi compravenduti, aumentati del 3,6% secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate.

La discesa dei prezzi sembra essere uno dei motivi che in questo momento storico rendono di nuovo appetibile l’acquisto di casa; un altro fattore è il Quantitative Easing della Bce, che ha fatto scendere notevolmente il tasso di interesse dei mutui (anche se è bene ricordare che finchè permane una situazione di bassa inflazione, il costo reale di un mutuo è oggi maggiore rispetto agli anni in cui l’andamento dei prezzi era crescente).
In realtà, sul fronte dei mutui, queste dinamiche sembrano comportare soprattutto una corsa al risparmio sul finanziamento esistente: il sito MutuiOnline, evidenzia che le richieste di mutuo a febbraio in Italia hanno registrato effettivamente l’incremento più significativo dal 2008 (+38,7% rispetto a febbraio 2014), ma che due mutui su tre non hanno riguardato una nuova compravendita, ma una surroga, che consiste nel trasferire il mutuo a un’altra banca per ottenere condizioni più vantaggiose.

Rendimax banner

SCRIVI UN COMMENTO

Premendo il pulsante di invio dichiaro di aver preso visione delle Web Privacy Policy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679. I dati personali forniti saranno acquisiti da Banca IFIS S.p.A. che li tratterà, in qualità di Titolare, esclusivamente per adempiere alla richiesta.

Feed RSS