Operazioni online: attenzione alle frodi

L’indagine condotta da Crif, istituto specializzato in sistemi d’informazione creditizie, rileva che nel 2012 sono aumentati i casi di risparmiatori truffati in rete. Sono infatti 24.000 le persone colpite per una cifra complessiva di 195 milioni di euro ed un incremento dell’8,6% rispetto al 2011.

Il fenomeno riguarda di più i giovani, i cosiddetti nativi digitali, perché frequentando molto la rete si sentono sicuri e tendono a fidarsi troppo di Internet. La classifica per fasce d’età vede al primo posto quella compresa fra i 18 e i 30 anni con un 27,3%, seguono le persone fra i 31 e 40 (24,6%), quelle fra 41 e i 50 (23,5%), fra i 51 e i 60 (13,5%) ed infine sopra i 60 anni con 10,5%.

La tecnica più usata dai truffatori è quella di appropriarsi dell’identità anagrafica e bancaria dell’utente online per chiedere  un prestito finalizzato (79,9% dei casi), un prestito (10,6%) o una carta di credito (6,7%). Segue la preparazione di una serie di documenti che oltre alla carta d’identità possono comprendere  la tessera sanitaria, una o più buste paga, un cud o un modello unico. A questo punto aprono un conto corrente e producono una movimentazione apparentemente normale per alcuni mesi, per poi richiedere il finanziamento.

E’ bene che il risparmiatore che vuole evitare di cadere nella trappola e tutelare il proprio risparmio:

  • controlli rigorosamente la serietà e l’attendibilità dei siti sui quali esegue un acquisto on line;
  • non risponda alle mail che a vario titolo e con diversi stratagemmi (conto bloccato, sicurezza, verifica) chiedono d’inserire dati personali, fiscali, bancari e prevedono link;
  • distrugga le pratiche e i documenti relativi agli ambiti anagrafico, tributario e bancario che non è più necessario conservare;
  • presti attenzione ai propri documenti quando li utilizza in luoghi pubblici.

Per far fronte a questa situazione, gli Istituti di credito adottano sempre più spesso accorgimenti e sistemi di controllo maggiormente sofisticati per tutelare e garantire la massima sicurezza dei propri clienti.