QE e risparmio: il fattore inflazione

Pubblicato da il 09/03/2015 in risparmio -

Oggi è partito il Quantitive Easing della BCE, che, acquistando Titoli di Stato (ma anche Abs e covered bond), si prefigge l’obiettivo di immettere sul mercato finanziario liquidità per fare ripartire l’economia reale; gli effetti attesi sono:

  • diminuzione dei tassi d’interesse
  • svalutazione dell’euro rispetto al dollaro
  • aumento progressivo dell’inflazione

Tutto questo dovrebbe facilitare il finanziamento alle imprese e le esportazioni; come più volte illustrato in questo blog, il QE avrà anche conseguenze per famiglie e risparmiatori, con lo scopo di stimolare i consumi:

  • diminuzione del tasso d’interesse dei mutui, specialmente variabili, e dei costi dei prestiti;
  • ulteriore calo del rendimento dei Titoli di Stato, tanto che attualmente qualche conto deposito offre una remunerazione più conveniente dei bond;
  • maggiore attrattività del mercato azionario.

Questi fenomeni vanno però valutati anche alla luce del possibile aumento dell’inflazione, principalmente per tre motivi:

  1. la risalita dei prezzi implicherebbe un incremento dell’Euribor e quindi dei costi dei mutui variabili; i costi reali sarebbero invece minori: l’onere reale di un mutuo va infatti calcolato al netto dell’inflazione, quindi è più elevato in caso di deflazione;
  2. l’inflazione comporterebbe una diminuzione del rendimento reale dei conti deposito e degli strumenti di risparmio a reddito fisso, proprio perché è l’andamento dei prezzi a determinare il rendimento reale degli investimenti e si ottiene togliendo il valore dell’inflazione al tasso di interesse nominale;
  3. i Btp Italia, indicizzati all’inflazione italiana, e tutti i titoli a cedola variabile, potrebbero risultare di nuovo attraenti con il rialzo dei prezzi.

rendimax assicurazioni banner

SCRIVI UN COMMENTO

Premendo il pulsante di invio dichiaro di aver preso visione delle Web Privacy Policy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679. I dati personali forniti saranno acquisiti da Banca IFIS S.p.A. che li tratterà, in qualità di Titolare, esclusivamente per adempiere alla richiesta.

Feed RSS